sabato 13 dicembre 2014

Recensione "Eleanor & Park. Per una volta nella vita" di Rainbow Rowell

Recensione Eleanor & Park. Per una volta nella vita di Rainbow Rowell


Titolo = Eleanor & Park. Per una volta nella vita
Titolo originale = Eleanor & Park
Autore = Rainbow Rowell
Casa editrice = Piemme
Prezzo = 12,00
Pagine = 350

Trama = Eleanor è appena arrivata in città. La chioma riccia rosso fuoco e l'abbigliamento improbabile, ha lo sguardo basso di chi, in pasto al mondo, fa fatica a sopravvivere. Park ha tratti orientali che ha preso dalla madre coreana e veste sempre di nero. La musica è il suo rifugio per tenersi fuori dai guai. La loro storia inizia una mattina, sul bus che li porta a scuola. Park è immerso nella lettura dei suoi fumetti e perso tra le note degli Smiths, Eleanor si siede accanto a lui. Nessun altro le ha fatto posto, perché è nuova e parecchio strana. Il loro amore nasce dai silenzi, dagli sguardi lanciati appena l'altro è distratto. E li coglie alla sprovvista, perché nessuno dei due è abituato a essere il centro della vita di qualcuno. Tra insicurezze e paure, Eleanor e Park si scambiano il regalo più grande: amare quello che l'altro odia di sé, perché è esattamente ciò che lo rende speciale. Sarà la loro forza, perché anche se Eleanor non sopporta quegli sfigati di Romeo e Giulietta, anche il loro legame deve fare i conti con un bel po' di ostacoli, primo fra tutti la famiglia di lei, dove il patrigno tiranneggia incontrastato. Riusciranno, per una volta nella vita, ad avere ciò che desiderano?



'In una storia d'amore
c'è sempre un ostacolo:
ho già un ragazzo;
i miei genitori non sono d'accordo;
tu sei un vampiro e io no, etc.
In Eleanor & Park
l'ostacolo è, semplicemente,
il mondo là fuori.'
JOHN GREEN
AUTORE DI Colpa delle stelle



La mia recensione = I libri che mi piacciono son tanti, ma i libri che mi colpiscono in un modo speciale sono pochi, e tra questi è entrato a far parte questo romanzo auto conclusivo scritto da un'autrice statunitense che in Italia la Piemme ci ha portato solo Per l'@more basta un click e Eleanor & Park (inizialmente pubblicato con il titolo Per una volta nella vita e con una copertina diversa). Di suo ho letto solamente Eleanor e Park, ma è entrato a far parte nella mia wishlist anche l'altro ed è subito andato in cima alla lista.
Questo è uno di quei romanzi così dolci da farti sciogliere completamente tutto. Un libro che mi aveva fatto lo stesso effetto fu Colpa delle stelle di John Green, ma a differenza di questo Colpa delle stelle era più dinamico e molto più triste.
In questo romanzo abbiamo come protagonisti due adolescenti nel 1986, Eleanor e Park. Eleanor è la ragazza nuova in città, e a scuola viene presa in giro per il fatto che sia un pochettino cicciottella, piena di lentiggini, capelli non curati e rossi, e specialmente per il suo abbigliamento da uomo, con camicie e pantaloni un po' rovinati. Lei non ha, però, a sufficienza soldi per potersi comprare i vestiti poiché vive in una famiglia povera e in una casa molto piccola, tanto da avere un bagno collegato alla cucina, senza barriere che fungono da vincolo.
Park invece è un ragazzo asiatico che sta in disparte leggendo fumetti e ascoltando musica. Lui, a differenza di Eleanor, vive in una famiglia benestante e in una vera e propria casa.
I due per la prima volta si incontrano sul bus in cui, lei non trovando posto, Park le dice un po' freddamente di sedersi accanto a lui. Tra i due nasce una monotonia che va avanti per giorni e giorni, ma successivamente i due cominciano a capire che c'è qualcosa di speciale che li lega, più di quanto credano.
Quando finalmente i due cominciano a parlarsi, notando che era pure imbarazzante passare un'ora sull'autobus senza dirsi niente e per lo più seduti accanto, Park cominciò a portarle dei fumetti da poter leggere a casa e della musica con delle pile per poter ascoltare le sue canzoni preferite.
Inaspettatamente tra i due nasce un amore, e per di più lo confidano l'uno all'altro, ma questo amore dovrebbe restare in segreto per evitare che il patrigno di Eleanor andasse in escandescenze.

Non vi dico niente di più perché ci sono delle parti talmente dolci che vorrei le gustiate voi tranquillamente e senza anticipazioni. 
Adesso vorrei discutere un po' del finale, quindi adesso cominciano gli spoiler. Quindi se non lo avete letto e avete intenzione di farlo, vi consiglio di terminare qui la vostra lettura perché il continuo presenterà spoiler.

Allora, vorrei parlare un pochettino sul finale un po' incompreso che ha lasciato molte perplessità.
Il libro finisce con la lontananza dei due: Eleanor se ne va dai suoi zii finalmente, quindi non dovrà subire più le amarezze del suo patrigno, mentre Park rimane in città. La Rowell ci dice che passarono anni, ma di lei niente, né lettere né telefonate. La cosa che ci ha fatto un po' "rallegrare" è stato l'ultimo piccolino capitolo :
Eleanor non andò al ballo di fine anno con lui.
Ci andò Cat.
La sua collega di lavoro. Era magra e scura, con due
occhi azzurri e piatti come mentine. Quando Park le prese
la mano fu come tenere per mano un manichino, e fu un
tale sollievo che la baciò. La sera del ballo si addormentò
con indosso i pantaloni dello smoking e una maglietta dei Fugazi.
Si svegliò la mattina dopo, quando qualcosa di leggero
gli cadde sulla maglietta. Aprì gli occhi.
Il padre era in piedi sopra di lui.
<<Posta>> gli disse, quasi con tenerezza. Park si portò la mano al cuore.
Eleanor non gli aveva scritto una lettera.
Era una cartolina. "Saluti dalla terra dei 10,000 laghi"
diceva sul davanti. Park la girò e riconobbe la sua calligrafia
disordinata. Gli riempì la testa di versi di canzone.
Si mise a sedere e sorrise. Qualcosa di pesante e alato gli
si alzò in volo dal petto.
Eleanor non gli aveva scritto una lettera, era una cartolina.
Di sole due parole.

Finisce così, ahimè, uno dei miei libri preferiti. Mi hanno detto che la Rowell nella versione originale, ovvero quella in inglese, ha scritto alla fine che noi dobbiamo interpretare il vero finale. E mi hanno pure detto che la Rowell ha questo vizio di finire il libro ancora prima della vera fine, quindi sono consapevole che dovrò soffrire ancora in altri libri, ma credo ne valga la pena.
Io non saprei interpretarlo poiché non ho il coraggio! Potrei dire che i due troveranno un nuovo amore, ma pensarlo mi fa stare male perché adoro troppo insieme loro due; quindi potrei dire che si siano finalmente ritrovati e vivranno una bellissima vita insieme, ma non ne sono tanto sicuro. Resta il fatto che, anche se non riesco a farcela, la mia interpretazione è la felicità. Troveranno felicità sia Eleanor che Park senza compromessi.
Oddio ragazzi, pensando al libro mi sento ancora male! DX
Commentate com'è la vostra interpretazione sul destino dei due, che sono molto curioso.
BYE. BYE :)


IL MIO VOTO : 
 5 stelle su 5