martedì 7 aprile 2015

Recensione: "The Giver" di Lois Lowry

Recensione: The Giver di Lois Lowry


Titolo = The Giver
Autore = Lois Lowry
Saga = The giver #1
Casa editrice = Laurel-Leaf
Prezzo = $6.99 US / $7.99 CAN
Pagine = 181

Trama = Jonas's world is perfect. Everything is under control. There is no war or fear or pain. There are no choices. Every person is assigned a role in the Community.
When Jonas turns twelve, he is singled put to receive special training from The Giver. The Giver alone holds the memories of the true pain and pleasure of life. Now it's time for Jonas to receive the truth. There is no turning back.




From The Giver :

If you were to be lost in the river, Jonas, your memories would not be lost with you. Memories are forever.
- The Giver 


La mia recensione = Io non ho mai letto libri in inglese. Uno) perché credevo fossi ancora troppo giovane per cimentarmi in questa nuova esperienza; due) perché credevo fosse un'immensa impresa in cui non tutti erano in grado di riuscirci; tre) perché avevo paura potessi innervosirmi e lanciare la mia copia del libro dalla finestra, se non nel fuoco. Be' mi sono enormemente sbagliato poiché ho scoperto il mio attuale livello di inglese grazie a questo primo romanzo di una serie distopica, che tende ad andare leggermente sul fantascientifico, di Lois Lowry. Volete iniziare a leggere in inglese? Bene, cominciate assolutamente da The Giver perché per esperienza posso dirvi che è un libro davvero facile da leggere in lingua e molto abbordabile per chi volesse iniziare. E' pieno di vocaboli conosciuti e non molto difficili. Vi consiglio anche di trascrivere durante la lettura tutti i vocaboli che non conoscete su un foglietto e poi infine trovarli sul dizionario e appuntarli su un vocabolarietto personale per poi riguardarlo quando si vuole e per imparare in modo migliore le parole. Io ho fatto così e devo dire che è stato un ottimo lavoro e sono alquanto soddisfatto di me stesso e del mio progresso. L'ho letto in 4 giorni, quindi potete capire quanto sia stato facile per me questo romanzo e quanto la storia sia stata intrigante e scorrevole.
Per farvi ancora capire quanto sia facile in lingua: in America, tempo fa, lo facevano leggere ai bambini per cimentarsi nella lettura, ma ho letto da qualche parte che è stato tolto dalle scuole per il fatto che tratta tematiche inadatte alla crescita di un bambino, tra cui quelle sessuali. Sebbene sono presenti, appunto, queste tematiche io le ho trovate ben affrontate e assolutamente in grado di far capire un bambino e di farlo crescere poiché è un libro molto significativo. E sì, anche un po' delicato.

Il romanzo parla di un mondo distopico futuristico in cui è presente questa comunità nel quale a tutti, arrivati ai dodici anni, viene affibbiata una determinata assegnazione dagli Anziani, ovvero i governanti della comunità, in base alla loro capacità poiché i cittadini sono seguiti da loro sin dalla nascita.
Nella comunità bisogna rispettare le toste regole per far sì che nessuno venga rilasciato e mandato via in un'altra comunità; c'è una determinata precisione del linguaggio; bisogna prendere delle pillole per evitare che qualcuno si ecciti e si accoppia con qualcuno innamorandosi (poiché sono addette alla nascita dei prematuri le donne a cui vengono assegnate quell'incarico).
Jonas, il protagonista della storia, sta per compiere i dodici anni e con ciò gli verrà assegnato il suo lavoro futuro, ma quando, durante la cerimonia, stanno chiamando tutti gli altri ragazzi, Jonas viene saltato perché è riservato per lui un incarico molto speciale che dovrà affrontare insieme al donatore.

Libro bellissimo che affronta tematiche molto importanti e interessanti. Sebbene non è presente azione o avventura, la trama ti tiene incollato al romanzo per saper di più sulle vicende di Jonas e degli altri membri della comunità.
Ogni libro di questa quadrulogia parla di personaggi differenti, nel primo incontriamo Jonas, (nel secondo non ricordo xD ), nel terzo Matty e nell'ultimo Claire.
Però udite udite mi hanno detto che da un determinato libro in poi rivedremo di nuovo Jonas finalmente poiché il finale di The Giver è insoddisfacente ed io voglio e devo (per la mia forza fisica e mentale) sapere come andranno a finire le vicende.
Non vedo l'ora di continuare e di informarvi su cosa ne penserò dei sequels.
Recensione forse carente, ma non ho nulla in più da aggiungere. Però comunque ci tenevo ad informarvi su questa mia lettura.
Libro molto bello e consigliato!!



IL MIO VOTO : 
4 stelle su 5